Milite della Squadra d'Azione "Maganiello" - 1944

Visualizza personaggio su nuova finestra Visualizza personaggio su nuova finestra Visualizza personaggio su nuova finestra
Visualizza personaggio su nuova finestra Visualizza personaggio su nuova finestra  


Milite della Squadra d'Azione "Maganiello" - 1944

Box art ditta Soldati

Milite "repubblichino" in azione antipartigiana nel territorio toscano.
Per realizzare questo nuovo figurino della ditta SOLDATI, che ho dipinto per la box art, mi sono avvalso del bellissimo volume di Guido Rosignoli "RSI, uniformi, distintivi, equipaggiamento e armi" edito da Alberelli, e in particolare mi sono ispirato alla tavola X di pag.67 che raffigura un milite della squadra d' azione "R. Maganiello" che opero' a Firenze e nel territorio toscano.
Questa formazione,come tate altre, intitolata a personalita' fasciste uccise dai partigiani, opero' in azioni antiguerriglia sia urbane che nell' Appennino tosco-emiliano dove le formazioni partigiane avevano il loro naturale campo d' azione.

Il figurino e'realizzato in un pezzo unico, di resina di colore giallo chiaro, senza particolari sbavature o ritiri, solo la canna del MAB si presenta storta, per cui occorre riscaldare la resina (immersione in acqua calda o utilizzo del fon) e con cautela cercare di raddrizzarla.
Il viso e' stupendamente caratterizzato e la posizione dinamica e' azzeccata, cosi' come sono ben incise e riprodotte le pieghe della giacca e dei pantaloni, questo aiuta non poco la pittura.
Riprodotte con esattezza i soffietti posteriori che nella parte alta del dorso la caratterizzavano.
La posa, dinamica ma non estremizzata, fa pensare ad un milite, raffigurato nel bel mezzo di uno scontro in terreno aperto contro forze partigiane, i cosiddetti ribelli, come recitava la propaganda dell' epoca.
Ho dipinto il basco in nero, con un fregio metallico raffigurante un teschio con un pugnale tra i denti, eredita' ambita che le formazioni fasciste raccolsero dagli arditi della prima guerra mondiale.
La giubba l' ho riprodotta in tessuto mimetico e sulla manica sinistra ho riprodotto l' emblema triangolare tipico di questa formazione: un giglio rosso inscritto in un triangolo bianco bordato ancora di rosso.
Al fianco porta il tipico porta caricatori a 3 alloggiamenti in tela grigioverde per il Mab 38 con cui e' armato, appeso al cinturone marrone scuro assieme al solito pugnale d’assalto, di cui ho dato ampia descrizione nell' articolo dedicato al Capo Manipolo, sempre prodotto dalla ditta SOLDATI, comparso in questa rubrica e sulla rivista ”Corazzati”.

I pantaloni in grigioverde, sono stati realizzati riproducendo un pesante effetto terra e polvere, per rappresentare un milite impegnato in un contesto campale, dove spesso si svolgevano i cruenti scontri tra “banditen” e “repubblichini”.
Il terreno e' realizzato con “Pedra Pomez” di Vallejo, cosparsa di erbetta sintetica, sassolini e colorata poi nelle tinte opportune ad un contesto autunnale.
Tocco finale, l' aggiunta delle preziosissime “foglioline”, fornitemi in buona quantita' dall' amico modellista, Gilberto Rapelli.

Bibliografia
· G.Rosignoli “RSI Uniformi, distintivi,equipaggiamento e armi 1943- 45” Edit. Alberelli
· Rivista “Uniformi & Armi” n 8 dic. 1989 - n. 24 aprile 1991
· Rivista “Steel Art” n.6 sett. 2003- pg 54/59