Miles Comune di Bologna - Società dei Lombardi
- Battaglia della Fossalta 1249 -

 

Visualizza personaggio su nuova finestra Visualizza personaggio su nuova finestra Visualizza personaggio su nuova finestra
Visualizza personaggio su nuova finestra Visualizza personaggio su nuova finestra Visualizza personaggio su nuova finestra  



Modifiche e autocostruzione Bruno Carruolo - Pezzo di partenza kit Pegaso 54 - 193
Pittura ad acrilico Ugo Giberti
Foto Aleks Michelotti

 

 

La battaglia di Fossalta , svoltasi nel 1249, fu lo scontro tra lo svevo re Enzo e l'esercito del Comune di Bologna.

Il 25 maggio 1249, nella piccola località di Fossalta presso le sponde del fiume Panaro, vicino a Modena, avvenne uno scontro storico tra gli schieramenti dei guelfi di Bologna e le forze dei ghibellini di Modena e Cremona e le truppe imperiali di Enzo di Svevia, figlio naturale dell'Imperatore Federico II Hohenstaufen. Dalla furibonda battaglia uscirono vincitori i bolognesi, che non si fecero scappare la succulenta occasione: catturarono Enzo e lo portarono in città, tenendolo come prigioniero (seppur di riguardo) in uno degli edifici che da lui tutt'ora ne conserva il nome, Palazzo Re Enzo.

 

IL FIGURINO

Il pezzo è l'ennesima modifica che Bruno Carruolo ha apportato al pezzo Pegaso 54/193 soggetto di altri nostri lavori e raffigura un Miles di parte Guelfa del libero Comune di Bologna , in particolare si tratta di un fuoriuscito lombardo appartenente alla società d'Armi dei Lombardi , che , assieme alle società dei Beccai, dei Toschi e delle Stelle, costituivano le 4 società extraquartierili che parteciparono alla battaglia.

Il Miles è raffigurato alle porte di Castelfranco, fortezza posta al confine con territorio modenese , dove inizialmente fu rinchiuso Enzo di Svevia prima del definitivo trasferimento a Bologna.

L'araldica è stata ricavata dal bel libro "Bologna nel XIII Secolo - Il libero comune la cui potenza cancellò alla Fossalta il sogno di Federico II" che, utilizzando documenti del 13° e 14° secolo descrive l'araldica delle truppe e dei cavalieri impegnati nella battaglia.

L' araldica della società dei lombardi viene così descritta: fasciato d'argento e nero di 4 pezzi, con capo rosso oppure fasciato d'argento e di nero, con capo rosso.

Il pezzo è dipinto ad acrilico, l'ambientazione è una elaborazione di Bruno in legno di balsa e gesso prendendo spunto da una porzione di torre a suo tempo contenuta in una confezione di un pezzo Beneito.

Il figurino è dedicato agli amici soldatinai bolognesi della "Società dei Balzani", in particolare all' amico Mario Frata che si è prodigato per farmi avere il testo, ormai introvabile, ispiratore del nostro ultimo progetto. Un sentito ringraziamento ad Aleks Michelotti, compagno di club, per il servizio fotografico.

 

Ugo Giberti